AAR - Anthropologie comparée des « arts de la mémoire »
Publication originale : Anthropologie comparée des « arts de la mémoire »

Dossiers hypermédias :
Antropologia comparata delle arti e della memoria: etnografia dei canti terapeutici Kunas


Les dossiers hypermédias


Les dossiers bilingues

Les encyclopédies AAR


Les portails de connaissance AAR
Amsud : la médiathèque latinoaméricaine
Azri Buta : Le portail consacr la Culture Azerbadjanaise
Averroès : la m�diath�que France-Maghreb
Diversité linguistique et culturelle
Mondialisation et développement durable
Peuples et cultures du monde
Sémiotique, culture, communication



Antropologia comparata delle arti e della memoria: etnografia dei canti terapeutici Kunas
Home Filmati Tematiche Lessico

Lista dei filmati


Titolo Descrizione Durata
 L'ipotesi della tradizione orale  L'etnologia è un gioco rimandi tra concetti ed eventi che si ritrovano. Bisogna sbarazzarsi dei termini banali: guerra alle parole "inerti".  00:21:33
 La funzione dei canti terapeutici nel contesto sciamanico  Carlo Severi spiega che i tre principali elementi del canto (la forma, il contesto, la funzione) riprendono il concetto più generale di "memoria sociale". Egli precisa che la forma del canto si definisce come tecnica di rappresentazione mentale, che il contesto è la società e che la funzione generale del canto consiste nel definire la comunità Kuna. Carlo Severi torna allora sulla funzione del canto sciamanico, il cui scopo è preservare una conoscenza condivisa da una comunità, di proteggere l'identità di questa comunità da coloro che quello che è esterno. In una visione globale, Carlo Severi, mostra che il lavoro sul testo, effettuato dall'etnologo, contribuisce allo sviluppo della storia.  00:10:01
 Spiegazione mitologica della malattia  Carlo Severi ritorna sulla nozione di malattia per spiegare il concetto di terapia verbale, praticata dai Kuna attraverso il canto. Severi fa l'esempio del giaguaro del cielo, tratto dalla mitologia Kuna, egli iscrive la malattia in uno schema razionale e la definisce come la conseguenza di un contatto illecito di un uomo con un animale. Carlo Severi sostiene che la malattia è legata alle nozioni di "predazione" umana e cannibalismo nei casi di follia. Tornando all'esempio del giaguaro, Severi mostra che la malattia, per i Kuna, comporta l'identificazione con uno spirito animale, che si distingue dallo stato di "vittima". Carlo Severi invita a una riflessione sulla memoria in senso ampio, per mettere in rilievo il ruolo dell'intervento terapeutico sulla memorizzazione e la salvaguardia del patrimonio.  00:18:43
 Esempi di canti terapeutici: "La voce di Mu" e "Il segreto del serpente"    00:12:32
 La morte nei processi terapeutici    00:13:21
 Una comunicazione attraverso il suono  Carlo Severi spiega che il canto è adattato ad una forma di comunicazione animale e che costituisce un atto terapeutico. Egli sostiene quindi che lo studio etnografico del canto permette di approfondire la comprensione del senso delle parole e il loro ruolo terapeutico in caso di malattia. Egli mette in rilievo il ruolo terapeutico della tradizione sonora e orale, pensa che la musica abbia un'origine animale e che sia un mimetismo del linguaggio verbale. "Dans un contexte plus général, il voit donc un enjeu important de l'anthropologie des formes comunicatives sur la communication": ça veut dire quelque chose?  00:22:05




Home - Note legali - Credits
Antropologia comparata delle arti e della memoria: etnografia dei canti terapeutici Kunas , 15/07/2008 18:14:31







Dernière mise à jour le 29/06/2016
All rights reserved © ESCoM 2009
Site déposé sur CopyrightFrance.com

Aide - Plan du site - Nous contacter - Mentions légales -
http://www.archivesaudiovisuelles.fr