SCC - Destini del sacro. Discorso religioso e semiotica delle culture.
Pubblicazione originale : Destini del sacro. Discorso religioso e semiotica (...)

Documentazione ipermedia :
Rock: tra buoni e cattivi
Contaminazioni tra cultura pop e cultura religiosa




Français English Italiano


Rock: tra buoni e cattivi
Contaminazioni tra cultura pop e cultura religiosa
Dispensa didattica per corsi di livello di "licence" (laurea triennale)
Home Filmati Tematiche Lessico

Papi, madonne e rockstar: dal sacro al profano, e ritorno

Durata: 0h 30mn 57s 64
Lingua: Italiano
Video di una conferenza scientifica   registrato  il  vendredi 23 novembre 2007  a  Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia - Teatro Valli - Teatro Ariosto ; Reggio Emilia, Italia

Partecipante(i)

Violi Patrizia, Conferenziere
Professoressa
Università di Bologna

Professore ordinario di Semiotica presso il Dipartimento Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna. Dal 2002 è coordinatrice del Dottorato in Semiotica e vicepresidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici di Bologna. Dal 2005 è coordinatrice del Dottorato di Discipline Semiotiche, Istituto Italiano Scienze Umane e Università di Bologna. Dirige il Centro di Studi Semiotici e Cognitivi dell’Università di San Marino. E’ stata visting scholar a Berkeley, al centro di ricerca IBM a Yorktown Heights, all’Università di Tokyio Gaikokugo Daigaku; ha tenuto corsi e lezioni in molte università straniere.


Disciplina(e) scientifica(e)

Semiotica della comunicazione e dei media
Semiotica della cultura
Semiotica della musica
Sociologia della religione

Il XXXV Convegno dell'Aiss (Associazione Italiana degli Studi Semiotici), organizzato in collaborazione con la Facoltà di Scienze dela Comunicazione di Reggio Emilia, è l'occasione per discutere sul tema: 'Destini del sacro. Discorso religioso e semiotica delle culture' . La conferenza “Papi, Madonne e rockstar: dal sacro al profano e ritorno” si apre con le immagini proiettate in sala del Concerto Eucaristico di Bologna del 27 settembre 1997, in quanto tentativo, certamente riuscito, di fare della musica rock uno strumento per evangelizzare il mondo dei giovani. Introduce il tema di discussione l’esperta di studi semiotici Patrizia Violi la quale, citando i giudizi delle autorità ecclesiastiche in merito alla musica rock e pop, individua l’elemento di forza dell’evento nella relazione che si crea tra sacro e profano. Nel concerto viene infatti riaffermato il sacro attraverso una fortissima azione di profanizzazione. Si ha così un doppio movimento: dal sacro al profano e dal profano al sacro: il corpo del Papa ne è il principale vettore. Anche l'organizzazione degli spazi è funzionale a tale integrazione. Da allora in poi Giovanni Paolo II diventerà infatti un'icona del pop universale, un'icona mediatica e televisiva. Emblematiche a questo proposito sono anche le immagini dell’incontro tra Bono e Giovanni Paolo II, in cui il Papa indossa gli occhiali da sole di Bono. In riferimento al Confession Tour di Madonna prende la parola la prof.ssa Cosenza, la quale sottolinea il rischio insito nella contaminazione dei due universi opposti. Sono mostrate alcune performance altamente provocatorie di una tappa del tour, che hanno portato il Vaticano a scomunicare Madonna. Sono prese in considerazione alcune delle critiche innalzate e la replica della popstar: dai due punti di vista estremi si evince l'ambivalenza semantica di un medesimo messaggio. La fase finale della performance di Madonna vede l’utilizzo del messaggio COEXIST, un’esortazione all'unione tra popoli, già proclamato anche da Bono, leader U2.





Home - Note legali - Credits
Rock: tra buoni e cattivi, 19/12/2008 17:49:53







Ultimi aggiornamenti 04/12/2008
All rights reserved © ESCoM 2008
Aiuto - Piano del sito - Contatti - Menzioni legali -
http://www.archivesaudiovisuelles.fr